Alaco, i comitati tornano in piazza

no_alacodef

Oggi a Vibo Valentia l’ennesima manifestazione sulla vicenda dell’Alaco. Il corteo, partito da piazza San Leoluca, è giunto in piazza Municipio. Qui gli interventi del Comitato Civico Pro-Serre, del Coordinamento Calabrese Acqua Pubblica Bruno Arcuri, del Forum delle associazioni vibonesi e del Comitato contro la costruzione del Rigassificatore di Gioia Tauro. L’iniziativa è stata il frutto di un costante lavoro, civico e civile, sulla difesa dei beni comuni, la salvaguardia del territorio e la salute pubblica.

Per la città, i partecipanti, numerosi, hanno ribadito che l’invaso va chiuso subito.  Nella protesta odierna è stata espressa tutta la preoccupazione per il probabile avvelenamento di massa provocato dall’invaso, già inquinato e sequestrato.

Il punto saliente è, come ribadito in una nota dei comitati, «il diritto al rispetto del pronunciamento di 27 milioni di cittadini che con il referendum di giugno 2011 hanno fatto la scelta della ri-pubblicizzazione del servizio idrico». In Calabria – hanno spiegato i comitati civici – bisogna chiudere con la gestione SO.RI.CAL. e  dismettere il bacino artificiale Alaco, che da oltre sette anni danneggia l’economia e la salute della popolazione.

I movimenti chiedono che «venga dato avvio immediato ad un programma alternativo per giungere rapidamente ad un sistema idrico con fonti di approvvigionamento che assicurino la fruizione di acqua salubre, pulita, pubblica ed a prezzo equo; che si metta mano con altrettanta urgenza agli interventi di ristrutturazione delle reti idriche per l’eliminazione delle perdite che oggi, nei comuni serviti dal bacino dell’Alaco, superano in media il 60%, con la conseguenza che vengono pagati, dai comuni alla SO.RI.CAL. e dai cittadini ai comuni, volumi di acqua non potabili e che in parte non arrivano neppure alle utenze».

Partecipe con suoi rappresentanti parlamentari, il Movimento 5Stelle sarà sempre vicino ai cittadini impegnati in questa grande battaglia e porterà le loro istanze in parlamento. Come portavoce, ci attiveremo per le necessarie azioni alla Camera.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>