Calabria, la nuova legge elettorale aiuta la ‘ndrangheta

Aularegcal

 

«La nuova legge elettorale della Calabria favorisce gli accordi tra politica e ‘ndrangheta, che muove migliaia di consensi, dentro la regione e fuori». Lo dichiarano i parlamentari M5S Dalila Nesci, Paolo Parentela, Nicola Morra e Federica Dieni, che aggiungono: «Il Consiglio regionale che di corsa ieri l’ha approvata avrà piena responsabilità degli effetti. Si tratta di una legge che cancella il confronto democratico, che leva ogni spazio alle minoranze e che, nella migliore delle ipotesi, spinge a patti elettorali innaturali, in nome del potere e lontano dall’interesse pubblico».

I parlamentari Cinque Stelle proseguono: «Oltre ad evidenti dubbi di costituzionalità, che stiamo già verificando, la nuova legge elettorale della Calabria presenta un impianto vecchio, concepito apposta per salvare note rendite di posizione e perpetuare la politica dei favori e dei ricatti, in parte già sconfitta alle europee».

Nesci, Parentela, Morra e Dieni concludono: «Questa nuova legge elettorale, però, non ci meraviglia affatto. È l’ultimo rozzo tentativo di restare a galla da parte di responsabili politici dell’emigrazione, dell’emergenza ambientale e della malasanità calabrese. Il popolo, però, è consapevole e maturo, sa reagire e scegliere. Faremo la differenza con i programmi e i candidati».

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>