Calabria, M5S: “Ecco due proposte per le elezioni regionali”

amministrative

 

«È irresponsabile insistere sulle primarie pagate dalla Regione, che costerebbero intorno a 2,5 milioni di euro. La Calabria è a un passo dal baratro, poiché rischia il dissesto per grossi guai di bilancio». Lo dichiarano i parlamentari M5S Dalila Nesci, Nicola Morra, Paolo Parentela e Federica Dieni, che aggiungono: «Tra poco potremo perdere i servizi essenziali. Già adesso non c’è, per mancanza di fondi, il trasporto di pazienti soggetti a cure salvavita; ad esempio i dializzati. È dunque immorale l’ostinazione con cui dei consiglieri regionali vogliono che sia la Regione a pagare le primarie per il candidato governatore».

«Uscito Scopelliti – continuano i parlamentari Cinque Stelle – stiamo assistendo, purtroppo senza nostri consiglieri regionali, a gravi abusi in Regione; soprattutto in materia elettorale. Avanziamo allora due proposte: primarie a carico delle singole forze e nuova legge elettorale entro luglio, partendo dall’ipotesi correttiva già avanzata da alcuni consiglieri regionali».

Concludono Nesci, Morra, Parentela e Dieni: «La Calabria è stata ridotta in pessime condizioni. Per voltare pagina bisogna partire dai bisogni dei cittadini e collaborare sulle urgenze, la prima delle quali è l’immediato rinnovo degli organi elettivi».

 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>