Cantone manda a casa Gioffrè, vittoria M5S

Banner 3

Su mia precisa denuncia, suffragata da un lungo parere dell’avvocato Domenico Monteleone, l’Autorità nazionale ‎anticorruzione‬ ha stabilito l’illegittimità della nomina di Santo ‪Gioffrè‬ all’Asp di Reggio Calabria, fatta dalla giunta regionale guidata da Mario Oliverio. È il risultato della continua azione di controllo dei parlamentari del Movimento 5 stelle, che pure non ha consiglieri regionali in Calabria.

di Dalila NESCI

Nello specifico, sulla violazione della normativa anticorruzione da parte della giunta Oliverio abbiamo interrogato e interpellato il governo, denunciato il caso alla procura e alla Corte dei conti, scritto a Oliverio, al commissario per la sanità regionale, Massimo ‪‎Scura‬, al ministro per la Pubblica amministrazione, Marianna ‪Madia‬, allo stesso Gioffrè per dimettersi, al dg del dipartimento Tutela della Salute, Riccardo ‪Fatarella‬, e in ultimo al presidente dell’Anticorruzione, Raffaele ‪‎Cantone‬.
Né il governatore Oliverio, né il commissario Scura, né il dg Fatarella, né il ministro Madia, né i ministri ‪‎Lorenzin‬ e ‪Padoan‬ hanno mosso un dito, confermando la nomina di Gioffrè e lasciandolo al suo posto. Nel frattempo la politica calabrese è rimasta in totale ‪‎silenzio‬, per bieco opportunismo.

Abbiamo denunciato altre nomine illegittime, come quella di Domenico ‪Pingitore‬ a commissario dell’Ao Pugliese-Ciaccio di Catanzaro, per il quale, data la pronuncia dell’Anticorruzione su Gioffrè, ora devono seguire gli stessi sviluppi. La nuova giunta di Oliverio proceda a revocare l’incarico a Pingitore.
Sul piano politico questo caso, da cui a Oliverio deriva un’inibizione per tre mesi, dimostra la totale ‪‎incapacità‬ del governatore, rimasto inamovibile sulle ‪‎illegittimità‬ nelle nomine dei vertici sanitari. Egli, come il commissario alla sanità, ha avuto tutto il tempo per fare retromarcia, perché ‪M5s‬ ha ‪‎bombardato‬ gli uffici regionali su tutti i dirigenti sanitari abusivi. Così è dimostrata la finta guerra tra Oliverio e Scura.

Il governo ‪cacci‬ Scura e Urbani, che hanno ignorato l’evidenza, pur avendo il compito specifico di rimuovere le irregolarità. Oliverio ‪‎revochi‬ l’incarico a Fatarella, per il quale la poltrona di Gioffrè era legittima.

M5s è l’unica forza politica che ha denunciato ogni giorno l’‪‎illegalità‬ dilagante nella gestione della sanità; la stessa che, dopo i casi di Federica ‪‎Monteleone‬, Flavio ‪Scutellà‬ ed Eva ‪Ruscio‬, portò all’emergenza e all’inchiesta ministeriale della commissione Serra-Riccio.

Ora alla Calabria serve un’amministrazione onesta, che soltanto M5s può garantire.

2 commenti

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>