Carcere di Vibo Valentia, ho interrogato il ministro Orlando

Sono stata di parola. Venerdì scorso ho partecipato a un sit-in del sindacato SAPPE, della Polizia Penitenziaria. Avevo promesso di portare in parlamento il caso della carenza di personale nel penitenziario vibonese. L’ho fatto subito, con una specifica interrogazione.

 

Con un’interrogazione al ministro della Giustizia, Andrea Orlando, ho portato in parlamento il caso della mancanza di 60 unità di personale nel penitenziario di Vibo Valentia. Al ministro ho chiesto «quali urgenti iniziative di competenza intenda assumere per garantire la copertura dei posti mancanti», ricordando che «il penitenziario ha 230 condannati per ‘ndrangheta su oltre 400 detenuti», come denunciato dal sindacato Sappe, inascoltato e costretto a un sit-in di protesta tenuto lo scorso 29 settembreNell’atto ho scritto che «la situazione è divenuta insostenibile e comporta ulteriori aggravi per il personale della Polizia penitenziaria in servizio, utilizzato anche per i trasferimenti dei detenuti». Il ministro interrogato deve e può trovare adeguate soluzioni. Nella stessa interrogazione ho premesso che «la«vicenda del crescente debito pubblico è dovuta quasi integralmente al sistema privato di emissione della cartamoneta» e che le relative conseguenze «non possono intaccare i settori della sanità, dell’istruzione, della giustizia e i servizi fondamentali, soprattutto in territori, come la Calabria, in cui è forte l’operatività della criminalità organizzata».

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>