Ennio Morrone (Forza Italia) conferma interessi nella sanità privata

morrone ennio

 

 

Il consigliere della Regione Calabria Ennio Morrone, capogruppo di Forza Italia, ha confermato il suo conflitto d’interessi nella sanità. Infatti, replicando a una mia nota di ieri ha detto di possedere una quota minoritaria di una struttura sanitaria privata.

 

di Dalila NESCI

 

Ieri Morrone ha sostenuto a spada tratta l’esigenza di procedere con le nomine dirigenziali, anche dopo i recenti richiami alle regole del ministero della Salute, nomine avversate con atti e fatti dal Movimento Cinque Stelle.

Fa effetto che nel rispondermi Morrone abbia difeso coi denti tali nomine, malgrado l’Avvocatura dello Stato ne abbia escluso la possibilità giuridica.

Ecco perché, in un comunicato di ieri, mi ero chiesta il perché di tanta insistenza, rilevando il palese conflitto d’interessi di Morrone e di Antonella Stasi, dato che entrambi hanno in famiglia proprietari di cliniche private.

Non credo che il giudizio di Morrone possa essere del tutto libero e oggettivo, in proposito. Infatti, secondo il decreto commissariale numero 1 del 5 gennaio 2011, appartengono ai figli la casa protetta per anziani Villa Sorriso in Montalto Uffugo, la rsa San Bartolo in Mendicino e la casa di cura Misasi a Cosenza.

Insomma, siamo alle solite: si continua a sbeffeggiare la legge, a considerarla carta straccia, a confondere l’interesse pubblico con quello privato.

La sanità è il problema più grosso e urgente della Calabria, ma con questi soggetti, protetti dal governo delle sporche intese, si avranno soltanto maggiori danni e guai.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>