Esposto e interrogazione M5S: per Scura se hai i soldi compri i farmaci, altrimenti ti arrangi

massimo scura 

 

Mi sono opposta all’ennesimo decreto insensato del commissario Massimo Scura, che limita l’impiego, in regime di rimborsabilità, di un farmaco di uso comune. In sostanza, secondo Scura, se hai i soldi lo compri, altrimenti ti arrangi.

di Dalila NESCI

 

 

Con un’interrogazione parlamentare e un esposto alla procura di Catanzaro, ho posto il caso del Dca n. 66 del 2015, che limita fortemente l’impiego, in regime di rimborsabilità, di farmaci per la protezione gastrica.

Ecco perché ho chiesto al governo di agire per la revoca del provvedimento adottato dal commissario alla sanità calabrese, Massimo Scura, che mette i medici in gravi difficoltà, perché col decreto in questione i farmaci gastroprotettori sono consentiti, in regime di rimborsabilità, a 74 calabresi su mille.

Questo è un assurdo, frutto dei tagli infiniti del governo Renzi alla sanità, sempre più basata su numeri di comodo e non sui bisogni delle persone. Significa che non c’è Stato sociale, vuol dire che i meno abbienti non possono curarsi. Si tratta di un’inaccettabile attentato al diritto alla salute, soppiantato da logiche di ragioneria, figlie dell’austerità criminale collegata al sistema dell’euro.

Su questo specifico aspetto M5s sta denunciando tutto, anche alle procure, con la convinzione che l’azione giudiziaria possa frenare l’abuso quotidiano dei burocrati della sanità, strapagati per comprimere la spesa e smantellare la sanità pubblica.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>