Fincalabra, l’ennesima porcheria in Regione

Scopelliti e Stasi

 

«In Calabria continuano gli abusi di palazzo». Lo dice la deputata M5S Dalila Nesci a proposito della nomina, da parte della giunta regionale calabrese, di Luca Mannarino quale nuovo presidente di Fincalabra.

Prosegue la parlamentare Cinque Stelle: «La giunta regionale ha nominato il tesoriere di Forza Italia, che, secondo quanto scritto dall’ufficio di presidenza del Consiglio calabrese, non aveva affatto i requisiti necessari per l’incarico. Questo significa che la logica degli ‘accorduni’ e la violazione delle regole proseguono, nell’indifferenza e nel silenzio generale». La deputata sottolinea: «Mannarino dovrà sostituire Umberto De Rose, l’imprenditore cosentino che non ha restituito oltre sei milioni di euro alla Regione Calabria, vicenda per cui si attendono interventi della magistratura e del vertice del dipartimento regionale per le attività produttive, quel Pasquale Monea che avrebbe un passato nella Guardia di Finanza».

Nesci conclude: «La verità, dunque, è che in Calabria tutto è possibile, tutto è sovvertito, tutto è permesso, purché serva ai compromessi politici e alla tenuta del sistema».

 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>