Fondazione Terina, Oliverio ora si impegna per le spettanze dei dipendenti. Noi saremo notai inflessibili

nesci terina

 

Insieme a Paolo Parentela abbiamo partecipato all’incontro dei lavoratori della Fondazione Terina con un pezzo della giunta regionale della Calabria. Il governatore, Mario Oliverio, davanti a noi ha assunto due impegni: salvaguardia dei dipendenti e rilancio dell’ente, a servizio dell’agricoltura calabrese.

 

di Dalila NESCI

 

Davanti a noi, che saremo notai inflessibili, il governatore Oliverio ha assunto l’impegno di salvaguardare i posti ai lavoratori della Fondazione Terina e di rilanciare l’ente a servizio del settore agroalimentare della Calabria. Lo ha detto, al termine dell’incontro, cui hanno partecipato, una delegazione dei lavoratori della Fondazione Terina e i vertici della Regione Calabria, rappresentata dal governatore Mario Oliverio, dal vicepresidente della giunta, Antonio Viscomi, e dall’assessore Carmela Barbalace.

Io e Paolo Parentela abbiamo chiesto una tempistica al governatore regionale, il quale ha detto che entro giugno ci sarà l’accorpamento dei consorzi industriali, che favorirà la mobilità di una parte dei dipendenti di Terina. Ne prendiamo atto, così come prendiamo atto dell’impegno assunto dalla giunta della Calabria per recuperare risorse con cui pagare le spettanze arretrate dei lavoratori.

Abbiamo proposto l’utilizzo di Terina anche per i controlli fitosanitari delle merci in arrivo al porto di Gioia Tauro. Questo è un punto rilevante per il futuro dell’ente, che ci auguriamo venga considerato in profondità.

Resta ancora il dubbio su come la Regione voglia e possa garantire che la Fondazione Terina faccia ricerca effettivamente utile all’agricoltura calabrese. È il caso che nel merito la giunta regionale fornisca a breve indicazioni molto più chiare.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>