Giustizia per Filippo, assassinato a 19 anni

Abbraccio a Filippo Ceravolo

Esprimo sincera commozione per l’anniversario della morte di Filippo Ceravolo, assassinato assurdamente il 25 ottobre dell’anno scorso. La scomparsa del ragazzo, un giovane come me, porta a riflettere sul destino dei figli della Calabria. La mia famiglia è originaria di Soriano (Vibo Valentia), città da cui proveniva Filippo, morto a soli 19 anni per una ritorsione diretta invece ad altri.

di Dalila NESCI

Filippo non c’entrava nulla, ricordo con indignazione. Sono vicina alla comunità di Soriano e soprattutto alla famiglia di Filippo, alla quale deve essere assicurata giustizia. Lo Stato deve guardare alla Calabria con occhi diversi. Qui è emergenza tutti i giorni, un’emergenza culturale ed economica che sta piegando il popolo calabrese, con il grave rischio che la criminalità rappresenti sempre di più l’alternativa e appaia come l’organizzazione più sicura, come l’unico potere in grado di fornire lavoro, certezze e risposte.

La memoria è preziosa. Spero che persone come Filippo, che testimoniano la parte bella e sana della Calabria, preponderante, non siano mai dimenticate. La storia di Filippo valica i confini della nostra terra. Essa racconta una tragedia indescrivibile che mi auguro non si ripeta mai più. Per questo, servirà fermezza dallo Stato e una lunga battaglia culturale, a partire dalle piccole cose, intanto dalla scuola.

 

 

 

 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>