ORTOPEDIA LOCRI, PROCURA RILEVA GRAVI INADEMPIENZE. IL MIO INTERVENTO

La mia immediata richiesta al governatore della Calabria, Mario Oliverio, chiusa l’indagine della Procura di Locri, che sui gravi disservizi nell’Ortopedia di Locri ha scritto che «si è riusciti addirittura, con non comune incapacità professionale e/o gestionale, sostanzialmente ad “azzerare” due Strutture sanitarie che chiunque possieda una normale conoscenza del territorio non può che valutare di assoluta importanza (Soc di Ortopedia dell’Ospedale spoke di Locri e Soc di Ortopedia dell’Ospedale di Melito P.S.)».

dirigente brancati

Con una nota di fuoco ho chiesto al governatore della Calabria, Mario Oliverio, di procedere per l’immediata revoca dell’incarico, in capo a Giacomino Brancati, dg dell’Azienda sanitaria di Reggio Calabria». Brancati è indagato dalla Procura di Locri nell’ambito di un’inchiesta su gravi disservizi nell’Ortopedia dell’ospedale di Locri. Nella nota ho richiamato alcuni passaggi dell’avviso di conclusione indagini dello scorso 25 ottobre, in cui la Procura di Locri ha scritto che «l’inqualificabile gestione del disservizio è stata causa di ulteriori disagi per i pazienti (che hanno dovuto subire trasferimenti ad altre sedi ospedaliere); per i familiari (sottoposti a conseguenti sacrifici logistici ed economici)». La Procura – ho ricordato a Oliverio – ha aggiunto che «dall’incredibile clima di confusione generato sulla vicenda, sono stati adottati (con l’implicita connivenza della Direzione generale) provvedimenti di indecifrabile legittimità» e che, nella fattispecie, «si è riusciti addirittura, con non comune incapacità professionale e/o gestionale, sostanzialmente ad “azzerare” due Strutture sanitarie che chiunque possieda una normale conoscenza del territorio non può che valutare di assoluta importanza (Soc di Ortopedia dell’Ospedale spoke di Locri e Soc di Ortopedia dell’Ospedale di Melito P.S.)». Per conoscenza, – al governatore Oliverio riassunti atti e fatti sulle recenti nomine dei direttori generali dell’Asp di Reggio Calabria e Crotone, nonché dell’Aou di Catanzaro – ho trasmesso la stessa nota ai ministri per la Pubblica amministrazione, della Salute e dell’Economia, nonché al commissario alla Sanità calabrese, al presidente dell’Anac e al responsabile dell’Anticorruzione della Regione Calabria.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>