HO DIFFIDATO OLIVERIO: VIA CHI HA SFORATO I BILANCI

Scandaloso che si tengano ancora sulla poltrona i direttori delle azienda sanitarie calabresi protagonisti di buchi di bilancio; addirittura premiati con un bonus di migliaia di euro. La legge (regionale) ne prevede la decadenza automatica. Il governatore Oliverio e i suoi non hanno mosso un dito, con una faccia tosta pazzesca. Non possiamo permettere che i malati non abbiano le cure dovute e questi burocrati, invece, si arricchiscano gestendo al peggio l’organizzazione della sanità.

È vergognoso che Pietro Filippo, dirigente dell’Asp di Cosenza condannato definitivamente per truffa, sia rimasto al proprio posto perché coperto da politica e burocrazia. Ed è ancora più scandaloso, mentre ai malati calabresi non vengono garantite le cure necessarie, che mantengano la poltrona i direttori delle aziende sanitarie della Calabria protagonisti di buchi milionari di bilancio, perfino premiati con migliaia di euro in più. Al governatore Mario Oliverio e all’intera giunta regionale ho chiesto con diffida formale la revoca dei dg aziendali responsabili dei bilanci in negativo. Ho inviato l’atto anche al rettore dell’Università di Catanzaro, Giovambattista De Sarro, nello specifico per la nomina insieme a Oliverio del dg dell’azienda Mater Domini di Catanzaro. Diffidati anche i ministri della Sanità e dell’Economia, il commissario alla Sanità della Calabria e il Collegio sindacale della Regione. Per legge, ho precisato, «in ogni caso il mancato raggiungimento dell’equilibrio economico determina automaticamente la decadenza dell’incarico» in questione. I numeri dello scandalo sono drammatici: per il 2015 l’Asp di Cosenza ha un passivo di 30,371 milioni e per il 2016 non ha adottato il bilancio; per il 2015 l’Asp di Catanzaro ha un passivo di 19,32 milioni e per il 2016 ha adottato il bilancio ma non l’ha trasmesso al dipartimento regionale Tutela della salute; per il 2015 l’Asp di Crotone ha un passivo di 8,729 milioni e per il 2016 di 27,506 milioni; per il 2013 Mater Domini ha un passivo di 15,516 milioni, per il 2014 di 26,466 milioni, per il 2015 di 27,999 milioni e per il 2016 di 20,278 milioni. In quanto all’Asp di Reggio Calabria, non risulta adottato il bilancio per gli anni 2015 e 2016.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>