Interrogazione al ministro Orlando sulle insane lungaggini del processo “Oragate”

de-rose-gentile

Il Governo intervenga per assicurare giustizia rispetto all’Oragate, lo scandalo della mancata uscita del quotidiano “L’Ora della Calabria“, per cui il 20 ottobre c’è stato un nuovo, ‪‎inspiegabile rinvio del processo in cui è imputato l’ex presidente di Fincalabra, Umberto De Rose, per violenza privata.

 

di Dalila NESCI

 

Di là dagli accertamenti giudiziari, è necessario l’intervento del ministro della Giustizia, ‪Andrea Orlando, rispetto agli insani ritardi nel processo contro Umberto ‪‎De Rose. Ecco perché oggi ho presentato un’interrogazione sulle lungaggini giudiziarie rispetto all’“Oragate”, lo scandalo della mancata uscita del quotidiano “L’Ora della Calabria“, per cui il 20 ottobre c’è stato un nuovo, ‪‎inspiegabile rinvio del processo in cui è imputato l’ex presidente di ‪Fincalabra, Umberto De Rose, per violenza privata.

È certamente una buona notizia che, dopo l’esposto di Aurelio ‪Chizzoniti, la procura abbia aperto un fascicolo contro i carabinieri di Rende che si sarebbero ‪rifiutati di notificare l’atto a De Rose. In ogni caso è opportuno che vi sia anche un approfondimento degli ispettori ministeriali, dato che il processo non è, di fatto, mai partito, nonostante le indagini siano state chiuse un anno e mezzo fa.

La mancanza di credibilità nella giustizia complica le cose in una realtà come quella calabrese, in cui c’è enorme sfiducia verso le istituzioni. Assicurare un processo corretto e rispettoso dei tempi è fondamentale per la giustizia e la ‪‎libertà di stampa.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>