Interrogazione M5S: Renzi fa il solito spot sull’A3 e i dipendenti di Vibo vengono silenziati

dipendenti provincia vibo

 

Cornuti e mazziati. È inammissibile quanto accaduto ai dipendenti della Provincia di Vibo Valentia: non gli è concessa più nemmeno la libertà di manifestazione.

 

di Dalila NESCI

 

Ecco perché insieme ai colleghi M5s Riccardo Nuti, Paolo Parentela e Federica Dieni, abbiamo presentato un’interrogazione parlamentare in merito alla vicenda secondo la quale i dipendenti dell’ente vibonese sono stati fermati nei pressi di Tarsia (Cosenza) dalla Polizia stradale ed è stato impedito loro di recarsi a Mormanno, dov’è in visita il premier Matteo Renzi.

Sono quattro mesi che i dipendenti non ricevono lo stipendio e ora, cornuti e mazziati, sono privati pure del sacrosanto diritto di manifestare il proprio dissenso e sgomento nei confronti di un governo che da anni ormai li ha abbandonati.

Ricordo che ho presentato una marea di atti parlamentari dinanzi ai quali quest’esecutivo ha preferito girarsi dall’altra parte, anche quando il Movimento cinque stelle ha proposto concrete soluzioni, come il fondo speciale per gli enti in dissesto.

Ora aspettiamo risposte da Renzi e da Alfano su chi abbia dato l’ordine di impedire ai cittadini vibonesi di recarsi a Mormanno. Se siamo ancora in democrazia è doveroso che il premier chiarisca. Altrimenti ammetta che aldilà delle passerelle e degli annunci, la Calabria non è nella sua agenda, né tantomeno lo è la Provincia di Vibo Valentia.

One comment

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>