Interruzione di gravidanza a Cosenza: Sospetta concessione a IGreco

Ho chiesto gli atti di una strana delibera dell’Azienda ospedaliera di Cosenza, con cui al gruppo IGreco è stato assegnato il servizio di Interruzione Volontaria di Gravidanza chirurgica. Esaminati gli atti, non avrò remore, se non quadrassero, ad andare in Procura.

È singolare la delibera dello scorso 17 ottobre con cui l’Azienda ospedaliera di Cosenza, con l’incomprensibile assenso del dipartimento ministeriale della Programmazione sanitaria, retto dall’ex sub-commissario ad acta Andrea Urbani, ha passato all’azienda IGreco Ospedali Riuniti il servizio di Interruzione Volontaria di Gravidanza chirurgicaSi tratta di un’iniziativa che appare molto grave, di cui va verificata la legittimità sulla base delle carte. Non escludo, esaminati gli atti, di andare personalmente a riferire al procuratore di Cosenza, Mario Spagnuolo. Al fine di ricostruire con esattezza ogni singolo passaggio burocratico del caso, essendo mia prerogativa insindacabile, ho chiesto gli atti al direttore generale dell’Azienda ospedaliera cosentina, Achille Gentile, al dirigente generale facente funzioni del dipartimento regionale Tutela della Salute, Bruno Zito, e al commissario alla Sanità calabrese, Massimo ScuraSulla questione andrò fino in fondo, in quanto, come ormai noto, non tollero gli abusi nella pubblica amministrazione, soprattutto in materia di tutela della salute. Né accetto “regali” pubblici ad aziende private

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>