La ‘ndrangheta voleva la centrale di Saline

NDRANGHETA 1

 

Ci siamo battuti contro la centrale di Saline Joniche. Inutile, vecchia, imposta alla popolazione e sposata dal governo tecnico, come abbiamo già scritto. Oggi scopriamo che la ‘ndrangheta voleva l’opera, da molti presentata come opportunità per l’occupazione, l’indotto e la fornitura di energia nella provincia di Reggio Calabria.

di Dalila NESCI

Ci siamo battuti contro la centrale di Saline Joniche. Inutile, vecchia, imposta alla popolazione e sposata dal governo tecnico, come abbiamo già scritto. Oggi scopriamo che la ‘ndrangheta voleva l’opera, da molti presentata come opportunità per l’occupazione, l’indotto e la fornitura di energia nella provincia di Reggio Calabria. Non è una nostra invenzione, non siamo visionari, fanatici o populisti. Infatti, Nicola Gratteri, procuratore aggiunto della Dda reggina ha dichiarato: «Per quello che è emerso dalle intercettazioni, la ‘ndrangheta di Melito Porto Salvo e dell’hinterland è d’accordo per la realizzazione della centrale a carbone».

L’inchiesta riguarda gli interessi della cosca Iamonte nell’amministrazione pubblica, negli appalti e nelle attività della zona. Centocinque indagati: 12 ai domiciliari e 65 arrestati, tra cui il sindaco di Melito Porto Salvo (Reggio Calabria), Gesualdo Costantino, già vicepresidente della giunta provinciale reggina di centrosinistra guidata dall’avvocato Giuseppe Morabito e poi primo cittadino, con l’appoggio del Pd alle ultime comunali.

Le indagini proseguiranno e sapremo delle singole posizioni. Lo scenario emerso, però, lascia poco spazio alla fiducia, all’ottimismo. La ‘ndrangheta controlla, organizza, pianifica, entra nella sfera pubblica e nella trasformazione del territorio; senza che gli abitanti possano intervenire: costretti a tacere, ad accettare la realizzazione di progetti insensati, spesso finanziati con denaro pubblico, o di centri, iniziative commerciali di proprietà delle cosche. Evidente, allora, che il mercato del lavoro è monopolio dell’onorata società, criminale e politica.

La centrale a carbone di Saline Joniche si rivela, dunque, ancora più pericolosa. Avevamo detto del suo inquinamento, che né la scienza né la tecnica da curricula ministeriali possono eliminare.

Ora dobbiamo ammonire i possibilisti, i sostenitori e i tifosi interessati che l’opera – come il faraonico villaggio turistico Europaradiso a Crotone – andrebbe a stimolare gli appetiti e le manie di corruzione della ‘ndrangheta. La ragione è ovvia: l’area in cui essa dovrebbe sorgere è già largamente colonizzata dall’antistato.

Ci permettiamo di osservare, per ultimo, che appare simile la situazione dell’ospedale nuovo della Piana di Gioia Tauro, originariamente previsto in agro di Rizziconi (Reggio Calabria). Nonostante questa scelta, assunta a maggioranza dai sindaci del comprensorio, tutta la politica, a partire dal centrosinistra regionale e provinciale del 2008, accettò di spostare l’ospedale a Palmi. Lì vicino, secondo risultanze della Dda di Milano, un’altra cosca di ‘ndrangheta acquistò dei suoli.

Senza mai alludere a sospetti e ipotesi di reato, si rammenta per cronaca che risulta anche la firma di Costantino, nella delibera di giunta provinciale del 23 ottobre 2008, documento con cui la provincia di Reggio Calabria prese atto dell’acquisizione di terreni, nel Comune di Palmi, per la costruzione dello stesso ospedale.

Il fatto, che non deve né può essere interpretato in chiave penale, ci dice una cosa, posto che Costantino è innocente, benché arrestato nell’inchiesta sulla cosca Iamonte, sino a eventuale sentenza di Cassazione. La politica è spesso cieca: nel dubbio, non ha la prontezza di rinunciare a opere che potrebbero rivelarsi condizionate o condizionabili dalla ‘ndrangheta.

Infine, la politica persegue un modello di sviluppo che, è il caso della centrale a Saline, non ha niente da fare con le specificità e la vocazione della Calabria.

Il Movimento Cinque Stelle è per le energie pulite, l’agricoltura biologica, la mobilità sostenibile e la sanità pubblica dei cittadini. Il Movimento Cinque Stelle è lontanissimo dalla cultura delle promesse di lavoro e progresso che alimentano una politica di partito abituata alle clientele e, non di rado, purtroppo, all’intesa con le ‘ndrine. Ecco perché è fondamentale votarci.

One comment

  1. Rinaldo Sorgenti

    Apprezzabile l’attenzione che viene posta all’argomento del progetto per la Centrale Termoelettrica di Saline Joniche. Non condivisibili le considerazioni relative al combustibile, che derivano da preconcetti fuorvianti ed inopportuni, anche solo esaminando le caratteristiche dei moderni impianti di generazione elettrica e quella che è la situazione a livello mondiale e di tutti i Paesi più ricchi e sviluppati del Pianeta, dove il Carbone è il primo combustibile per la generazione elettrica.

    Allo scopo di fare un’opportuna riflessione sull’argomento, copio qui sotto un mio articolo nella speranza che possa risultare utile per un opportuno approfondimento.

    Q U O T E

    L’urgenza di una Strategia Energetica Nazionale sostenibile.
    di Rinaldo Sorgenti
    E’ ben evidente che una Strategia Energetica Nazionale (SEN) debba affrontare argomenti che riguardano le prospettive a medio e lungo termine ed è quindi opportuno delineare una strategia bilanciata e sostenibile che comprenda argomenti come l’Efficienza Energetica e lo sviluppo della ricerca per la messa a punto di Fonti Rinnovabili affidabili e sostenibili per il futuro.
    Ma una componente fondamentale di una SEN deve altresì riguardare la produzione elettrica, che sempre più sarà la spina dorsale per un Paese che aspira a mantenere la propria posizione a fianco delle economie più avanzate nel mondo.
    Questo è purtroppo il principale handicap che condiziona da lungo tempo l’economia del ns. Paese, che storicamente si base sulle capacità manifatturiere e sull’export dei propri prodotti.
    Peraltro, il rischio strategico che il sistema Italia subisce non ha eguali tra i Paesi sviluppati ed è ormai urgente che il Governo e i vari Stakeholder ne prendano finalmente atto per attuare quindi tutte quelle indispensabili iniziative che ci consentano di superare questo grave problema, che inficia pesantemente le capacità competitive del ns. Paese.
    Per fortuna non c’è bisogno di guardare nella “palla di cristallo” per capire cosa necessiti fare: allo scopo, una semplice analisi del “Mix delle Fonti” per la produzione elettrica che si riassume nella media del 27 Paesi Ue ed ancor più la realtà del “Mix” dei Paesi del G8 e del G20 (con l’eccezione rischiosa ed insostenibile proprio dell’Italia), non può non fare da parametro e guida per le indispensabili decisioni strategiche da attuare.
    Quali scelte quindi per il nostro Paese?
    L’evidenza nella Ue27 dimostra che le “Fonti di Base” di un sistema affidabile e sostenibile debba necessariamente basarsi su CARBONE + NUCLEARE (come insegnano tutti i Paesi del G8 – Italia esclusa) e quanto più una delle 2 fonti è trascurata, maggiore è la necessità di ricorrere all’altra.
    L’Italia presenta chiaramente una situazione anomala ed asimmetrica, avendo solo il 13% di produzione da CARBONE e nulla (sul ns. territorio) dal NUCLEARE.
    L’altra pesante anomalia italiana, è quella della produzione elettrica nazionale, dove l’Italia storicamente produce sul proprio territorio solo circa l’85% dell’elettricità che consuma ed è infatti il principale importatore in Europa di questo importante vettore.
    In compenso, è positivo riscontrare che l’Italia indiscutibilmente presenti la migliore situazione in termini di intensità elettrica pro-capite (5,6) rispetto a tutti gli altri principali Paesi. Siamo infatti il Paese più “virtuoso” in termini di consumo elettrico. Lo siamo peraltro anche in termini di emissioni di CO2 pro-capite; elementi questi spesso mistificati e distorti nella comunicazione mediatica.
    Peraltro, nessuno in Europa ha fatto così tanti investimenti negli ultimi 10 anni per ammodernare il proprio parco di generazione elettrica; purtroppo però questo è avvenuto quasi esclusivamente con la realizzazione di moderni “Cicli Combinati” alimentati a Gas Metano, per sostituire i vecchi “Cicli a Vapore” alimentati ad Olio Combustibile.
    La demagogia e la speculazione comunicativa che si basa fondamentalmente su fuorvianti aspetti emotivi, ha invece impedito di diversificare ed equilibrare il ns. “Mix” con la realizzazione di alcune moderne Centrali a Carbone che per le caratteristiche orografiche del ns. territorio potrebbero agevolmente trovare la loro dislocazione lungo la penisola.
    Infatti, concetti razionali di vera “Sostenibilità” per il sistema di generazione elettrica di un Paese avanzato si possono agevolmente riassumere nei punti seguenti:
    1) Facilità degli approvvigionamenti
    2) Economicità
    3) Continuità (vs. intermittenza di eolico e solare)
    4) Sicurezza strategica
    5) Efficienza di utilizzo dei combustibili primari
    6) Rispetto ambientale
    Da un’analisi obiettiva risulterebbe quanto mai evidente che il Carbone sia un combustibile a tutti gli effetti “Sostenibile”, rispondendo in maniera opportuna a tutti e 6 i parametri sopra citati, soprattutto per un Paese notoriamente povero di “materie prime” come l’Italia, che dipende più di qualunque altro dalle importazioni energetiche per soddisfare i propri bisogni.
    La risposta tecnologica comprende: le CCT (Clean Coal Technologies), che consentono di utilizzare il Carbone senza particolari inconvenienti di natura ambientale, mentre con la CCS (Carbon Capture & Storage) è possibile anche rispondere all’eventuale necessità di ridurre le emissioni di CO2 in atmosfera.
    Come noto, la Commissione Europea ha posto le tecniche di CCS tra le iniziative da attuare per rispondere alla Direttiva di riduzione delle emissioni in atmosfera, ma è evidente che applicare tali tecniche CCS solo all’utilizzo del Carbone NON risolverebbe affatto il problema delle emissioni, in quanto la realtà italiana nel 2010 evidenzia che 2/3 delle emissioni di CO2 dalla generazione elettrica siano dovute all’utilizzo degli idrocarburi: 56% al Gas Metano e 7% all’Olio Combustibile, essendo il contributo emissivo del Carbone solo del 35%, mentre un 2% è dovuto ad altri combustibili. Come sappiamo, le emissioni di CO2 dalle Biomasse non sono considerate, anche se sarebbe forse opportuna una riflessione, sul breve-medio periodo (se questa è la preoccupazione), perchè la combustione di un albero che ha impiegato 20-30 anni mediamente per crescere, rilascia immediatamente in atmosfera tutta la CO2 che lo stesso ha assorbito per la sua crescita e ce ne vorranno ancora 20-30 per farlo ricrescere tal quale.
    Inoltre, applicare la contabilizzazione delle emissioni di CO2 alle emissioni di sola “combustione” (post-combustion), come prevede la Direttiva ETS-Ue, e trascurando invece totalmente le emissioni dovute alla “estrazione/produzione” (pre-combustion) dei combustibili fossili – come di fatto avviene con il Protocollo di Kyoto e come abitualmente considerato da tutte le Istituzioni internazionali (IPCC, Ue e Paesi emettitori) – si determina una chiara discriminazione che nulla ha a che fare con il supposto concetto del contrasto ai “Cambiamenti Climatici”, generando invece un’evidente ed impropria discriminazione ed un’alterazione dei principi di “libera concorrenza” (peraltro non consentita dalle stesse leggi fondanti della Ue) tra: Paesi – Settori – Prodotti, all’interno della stessa Comunità europea.
    Per dare un esempio di cosa significhi quanto sopra citato ed un parametro di valutazione globale, basterebbe andare ad osservare cosa avviene in fase di estrazione del Gas Metano nei vari Paesi produttori, dove risulta che: “Almeno 1/3 delle riserve mondiali di Gas Naturale presentano in giacimento alti livelli di anidride carbonica (CO2)”, che l’industria del settore da decenni provvede a separare dal flusso dei Gas in estrazione per liberarla in atmosfera (vented), senza che questa sia conteggiata ne attribuita ad alcuno (chiedetelo ad IPCC)!
    Quindi, la strategia necessaria per l’Italia, per :
     Migliorare la propria competitività;
     Ridurre i rischi di approvvigionamento energetico;
     Incrementare la sostenibilità Paese;
    non può non considerare l’urgente necessità di diversificare ed equilibrare il proprio “Mix delle Fonti”, con:
    1) Carbone: Raddoppiare il suo contributo, con l’utilizzo delle tecnologie CCT e CCS.
    2) Gas Metano: Ridurre/dimezzarne l’uso, rispetto all’eccessiva dipendenza attuale.
    3) Nucleare: Valutare se continuare con l’import, dopo l’esito del recente Referendum ???
    Perché il Carbone è:
     Diffuso ampiamente nel mondo
     Disponibile in grandi quantità
     Economico (molteplicità di fornitori)
     Sicuro (non è velenoso, ne’ esplosivo)
     Eco-compatibile grazie a CCT e CCS.
    Parliamone quindi, senza pregiudizi e fuorvianti ideologie, nell’interesse di tutti.

    Rinaldo Sorgenti

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>