LA RISCOSSA DALLA SICILIA: SIAMO LA PRIMA FORZA POLITICA

Eccovi il mio commento al voto siciliano: Renzi ko, il centrodestra un’accozzaglia.

In Sicilia abbiamo corso da soli, in coerenza con il nostro spirito, con la nostra lontananza dal perverso sistema dei partiti. I dati definitivi potranno subire lievi oscillazioni, ma la sostanza non cambia.

Il nostro candidato presidente, Giancarlo Cancelleri, vince per due motivi, al di là del risultato della coalizione di centrodestra, cui andrebbe la responsabilità del governo della Regione. Primo, Cancelleri ha dimostrato insieme alla lista 5stelle che si può e deve proseguire la rivoluzione culturale e politica avviata da tempo da Gianroberto Casaleggio e da Beppe Grillo e attuata da attivisti e portavoce del Movimento. Secondo, Cancelleri e gli altri consiglieri regionali eletti col simbolo 5stelle non dovranno rispondere a nessuno, se non al popolo. Perciò avranno le mani libere, saranno privi di condizionamenti, ricatti, pressioni e “cambiali” politiche da pagare.

Da subito dovremo portare questa carica, questo messaggio nel resto dell’Italia: con il Movimento 5 stelle si può costruire un futuro di indipendenza ed emancipazione, di diritti e possibilità per tutti, senza sottostare agli accordi, alle logiche e alle dinamiche dei partiti, che hanno prodotto danni e deserto.

Rimbocchiamoci le maniche e andiamo avanti con maggiore energia, con rinnovato entusiasmo, consapevoli che a breve ci saranno le elezioni politiche. Un appuntamento che vedrà lo sconfitto Matteo Renzi in enorme difficoltà e il centrodestra alla ricerca delle alleanze, degli inciuci per assommare i voti necessari a impedirci di governare il Paese.

Ma noi saremo più forti, perché da oggi abbiamo una certezza: le “fratellanze” elettorali non possono fermarci; la nostra idea, il nostro progetto e il nostro orizzonte sono più alti e penetranti. Rappresentano l’alternativa, la sola, al conservatorismo che ha bloccato l’Italia e creato diseguaglianze, emigrazione, povertà e progressivi disservizi pubblici.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>