L’Asp di Vibo tuteli il diritto alla salute e all’uguaglianza di bambini e ragazzi autistici

autismo

 

Preg.mo Dg dell’Asp vibonese,

 

per quanto si legge su «La Gazzetta del Sud» di venerdì 8 maggio c.a., ancora non è stata rinnovata la convenzione tra l’Azienda sanitaria provinciale e l’associazione «Prometeo» di Pizzo (Vibo Valentia), che si occupa di assistenza specialistica per bambini e ragazzi autistici.

Ad oggi, figura nello stesso articolo, il servizio è offerto solo a pagamento, appunto per via del mancato rinnovo della convenzione con l’Asp, «e non poche famiglie si sono viste costrette a sospendere trattamenti già avviati da tempo e che necessiterebbero di continuità».

La questione va risolta; soprattutto se si considera che nei locali dell’ospedale è attivo un polo d’eccellenza, gestito dalla suddetta associazione, dove si assistono pazienti provenienti da tutta la regione – la cui età oscilla dai due ai trent’anni – alcuni dei quali sono seguiti ormai da decenni.

L’esperienza del Centro Servizi per l’Autismo nasce, peraltro, proprio in seguito a una gara d’appalto, risalente al 2007, indetta dalla stessa Asp vibonese per la gestione di una struttura specifica per le disabilità gravi (autismo), vinta dalla summenzionata associazione e rinnovata per 6 anni.

Stando all’articolo, l’Asp non avrebbe intenzione di rinnovare la convenzione per ragioni meramente economiche, così condannando all’abbandono diverse famiglie, che già devono affrontare pesanti difficoltà.

Se così fosse, per effetto delle misure contenitive del debito pubblico, prodotto dall’affarismo delle banche, saremmo di fronte a un caso di preminenza delle logiche ragionieristiche sul diritto alla salute e, peggio ancora, sul diritto all’eguaglianza, in spregio alla Costituzione repubblicana.

È necessario, allora, che l’Azienda sanitaria tuteli i diritti delle persone in argomento, che sono più importanti del pareggio di bilancio cui è oggi è orientata tutta l’amministrazione pubblica.

In attesa di avere al più presto notizie sulle determinazioni dell’Asp a riguardo, porgo i migliori saluti.

 

Roma, 7 maggio 2015

Dalila Nesci

Deputato, M5S

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>