Le battaglie M5S per la sanità calabrese (VIDEO)

In questo video sono riassunte le battaglie ‎M5S per la ‎sanità calabrese. In sequenza vedrete i dossier inviati ai ministeri della Salute e dell’Economia, le denunce sulle nomine dirigenziali illegittime e su un preciso ‎sistema di potere che alimenta sprechi, clientele, favoritismi e violazioni di legge, cause di malasanità e disservizi pesantissimi.

 

di Dalila NESCI

 

 

Le altre forze politiche non hanno il ‎coraggio di dire la verità più grande: i tagli alla sanità pubblica dipendono dal sistema dell’euro, cioè dalla truffa del debito pubblico, con i conseguenti aiuti agli Stati, Mes e fiscal compact. I tagli sono furbamente giustificati e nascosti con sigle, formule e termini complessi. Il caso della Calabria, sottoposta a piano di rientro e commissariata, è singolare; la nostra sanità è l’‎ultima in Europa. Qui il piano di rientro è una ‎forzatura, perché per curare i propri pazienti la regione ha speso più soldi di quelli ricevuti: dal ’99 a oggi parliamo di 1,7 miliardi di euro. La Calabria resta commissariata, come racconto nel video, in virtù di una delibera illegittima del Consiglio dei ministri.

La sanità regionale è massacrata dai due delegati del governo, Massimo Scura e Andrea ‎Urbani, che da ultimo hanno decretato la nuova, sballatissima ‎rete dell’assistenza ospedaliera, con il Dca n. 30/2016. Come ampiamente dimostrato, il governatore regionale Oliverio è da principio complice silenzioso dello sfascio: si limita a dichiarazioni stampa, ma non assume alcuna iniziativa di sua competenza. Nel frattempo, crescono il ‎disavanzo sanitario, la disperazione, la paura e le speculazioni.

M5S è il riferimento per la ‎rivolta civile.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>