Le incredibili contraddizioni della Regione sul decreto sui nuovi budget sanitari

 

scura oliverio

 

È singolare che la Regione Calabria abbia firmato il decreto sui budget 2015 e appena dopo ne abbia richiesto la revoca. Contraddizioni su contraddizioni della Regione Calabria, dunque, a proposito del decreto numero 80 del 2015, con il quale il commissario Massimo Scura ha disposto i nuovi budget per la sanità privata calabrese. È questo il messaggio che, oggi, abbiamo lanciato io e Nicola Morra a Mario Oliverio.

 

di Dalila NESCI

 

Siamo davanti all’ennesima contraddizione dell’amministrazione Oliverio nella sanità, frutto di una strategia dell’ambiguità che sta caratterizzando da principio la presidenza Oliverio. Pomo della discordia, questa volta, il decreto numero 80 del 2015, con il quale il commissario Massimo Scura ha disposto i nuovi budget per la sanità privata calabrese, prima firmato dalla Regione Calabria, che ora invece ne ha chiede la revoca.

A questo punto, dovremmo concludere che in materia di gestione sanitaria, al dipartimento regionale Tutela della salute nessuno spiega a Oliverio le conseguenze dei singoli atti.

Se così fosse, si dovrebbe dedurre una possibile alleanza tra il dipartimento e i commissari per il rientro, atta a garantire una gestione verticistica della sanità calabrese, con una continua presa in giro nei confronti di Oliverio.

Come Cinque stelle presenteremo un’interrogazione parlamentare sul decreto 80, chiedendone la revoca nell’attesa che Oliverio riferisca gli elementi sulla base dei quali ha definito clientelare il provvedimento del commissario Scura.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>