Malasanità, caso Guarna: Orlando e Lorenzin ora rispondano

orlando lorenzin

Bisogna impedire che arrivi la prescrizione: la famiglia di Nicola Guarna deve avere giustizia. Proprio per questo oggi ho presentato un’interrogazione parlamentare per denunciare le incredibili lungaggini del processo: dopo quattro anni dalla morte del signor Guarna il processo in pratica ancora non è cominciato.

di Dalila NESCI

Nicola Guarna è morto nel 2010. Aveva avvertito un malore, ma di lui nessuno si occupò: ci impiegarono sei ore per trasferirlo da Serra San Bruno all’ospedale Jazzolino di Vibo Valentia. Un clamoroso caso di malasanità, tanto che la procura vibonese ha rinviato a giudizio sei persone tra operatori e medici. Eppure da allora, a causa di continui rinvii, non si è tenuta nemmeno un’udienza. E lo spauracchio prescrizione si avvicina. Ecco perchè ho presentato un’interrogazione parlamentare rivolta ai ministri Andrea Orlando e Beatrice Lorenzin.

Peraltro, sulle lungaggini del tribunale di Vibo Valentia, ho già presentato ben due interrogazioni al ministro della Giustizia, anche ricordando i diversi rinvii delle udienze di un altro procedimento, quello relativo all’inchiesta “Poison”, riguardante un disastro ambientale da 127 mila tonnellate di rifiuti tossici. Ma, ovviamente, nessuno mi ha mai risposto.

E allora ripropongo la questione. Ho chiesto, ora, al ministro della Giustizia “quali iniziative di competenza intenda assumere per garantire il corretto funzionamento del tribunale di Vibo Valentia” e quali “in favore dell’accertamento dei fatti circa la morte del signor Guarna e per l’effettiva giustizia sul caso, che allo stato arreca ancora più dolore alla famiglia“.

Ancora una volta, attendiamo risposta. Non demordiamo noi, caro Orlando.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>