‘NDRANGHETA: VIENE SCIOLTA ASP REGGIO CALABRIA. LA PRESENZA DELLA CRIMINALITA’ IN SANITA’ NON E’ PIU’ TOLLERABILE

Insieme ai colleghi della Commissione Antimafia, prendiamo atto del provvedimento con il quale il Consiglio dei Ministri, su proposta del prefetto di Reggio Calabria, ha deliberato lo scioglimento dell’Azienda sanitaria provinciale della città calabrese per infiltrazioni della ‘ndrangheta e riteniamo che sia un atto tanto doveroso quanto, ancora una volta, doloroso.
Le indagini faranno il loro corso, ma se le accuse verranno confermate sarebbe l’ennesimo caso di criminalità organizzata che si infiltra in uno dei settori chiave della società.
Questa situazione non è più tollerabile.
Un plauso dunque alle Istituzioni, con in testa il prefetto Di Bari e la ministra Grillo, che sono state tempestive nell’individuare l’emergenza e non hanno fatto tardare la risposta dello Stato. L’augurio, infine, è che in Calabria si ristabilisca la legalità in ambito sanitario. Anche la Bicamerale di cui facciamo parte si impegna nel monitoraggio costante della situazione.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>