Ridiscutere il ruolo del “fido” Urbani. La mia lettera al ministro Lorenzin

beatrice_lorenzin

 

Preg.mo On.le Ministro Beatrice Lorenzin,

 

lo scorso 28 aprile Le segnalai la pendenza di 35 interrogazioni per la tutela generale della salute, risalenti, a mia firma, all’inizio della legislatura corrente e più volte sollecitate invano. Parimenti osservai la solerzia con cui Ella rispose a un’interrogazione del senatore Giovanni Bilardi, del Nuovo Centrodestra, riguardante il caso di una singola persona in attesa, tra le tante, di stabilizzazione dall’Asp di Cosenza.

Il 25 giugno Le scrissi della normazione delle cardiochirurgie in Calabria. Il 16 luglio, ancora, Le inviai per lettera il dossier parlamentare del Movimento 5 stelle su abusi, sprechi e nodi in fatto di gestione e riassetto della sanità regionale. Ad oggi, purtroppo, le predette note non hanno avuto seguito. Nella speranza, stavolta, di riscontro, ritengo utile tratteggiarLe un quadro di estrema gravità, di cui potrebbe non avere piena conoscenza.

Con la dovuta franchezza, so bene che proprio nel “Suo” Ministero è rinvenibile la proposta di nomina del dottor Andrea Urbani a sub-commissario per l’attuazione del piano di rientro dal disavanzo sanitario regionale; a mio avviso con palmare illegittimità originaria, cagionata, come argomentato nell’atto di sindacato ispettivo n. 5-06827 dello scorso 30 ottobre, «dall’omissione delle procedure e dallo sconfinamento dei limiti stabiliti dall’articolo 4 della legge n. 159 del 2007».

Ciò premesso, sono proprio alcuni atti del dottor Urbani a rappresentare un’oggettiva, forte preoccupazione per il rientro dal disavanzo cui è sottoposta la sanità calabrese. Infatti:

1) la rete dell’assistenza sanitaria, decretata nello scorso aprile su impianto esclusivo del sub-commissario, è, a distanza di 7 mesi, in larga misura da rifare in quanto dichiaratamente inadeguata;

2) la riassegnazione delle risorse concesse alla Fondazione Campanella, estinta nell’anno, è avvenuta in mancanza di criteri specifici e, in ogni caso, successivi al relativo decreto predisposto dal sub-commissario, n. 80 del 6 luglio 2015, dichiarato «non assentibile» in sede di verifica e al momento sospeso;

3) esaminata l’istruttoria, a logica la recente, impropria qualificazione riconosciuta per decreto dirigenziale all’unità operativa di Endocrinochirurgia del policlinico dell’Università di Catanzaro riproduce una proposta del sub-commissario, di fatto corroborata dal parere con cui il direttore generale della programmazione sanitaria nazionale, dottor Renato Botti, ha dichiarato «irricevibile» il provvedimento di revoca – Dca n. 109/2015 – del commissario ad acta, ingegner Massimo Scura, in quanto firmato soltanto da questi come il Dca n. 18/2015, invece accolto senza la riferita obiezione;

4) l’espansione del disavanzo sanitario dalla Sua visita dell’autunno passato in Calabria sino al tavolo di verifica dell’ultimo luglio, da 30 a 65 milioni di euro, è riferibile in primo luogo alle competenze e funzioni proprie del sub-commissario, anche, soltanto, perché a lungo rimasto unico responsabile apicale del piano di rientro, date le conseguenze connesse all’interdizione del precedente governatore regionale.

Questi puntuali elementi – aggiungo d’aver inviato un esposto sul caso del riferito Dca n. 109/2015, per il quale Le ho chiesto via stampa la revoca del suddetto incarico del dottor Botti – non possono esimerLa dal riferire alla scrivente parlamentare quali siano le Sue valutazioni e volontà rispetto all’operato del subcommissario, peraltro in aperto conflitto d’interessi poiché, assieme, revisore contabile di Agenas.

Le chiedo, dunque, un incontro urgente per discutere di persona delle questioni di peso qui articolate.

Nell’attesa di Sue novità, spero non tardive, Le porgo i migliori saluti.

 

Roma, 5 novembre 2015

Dalila Nesci

Deputato, M5S

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>