Rifiuti tossici: “In Calabria peggio della Terra dei fuochi”

images

 

«Tolto il segreto alle carte sull’interramento di rifiuti tossici in Calabria, dalle verifiche potrebbero emergere scenari tragici». Lo dichiarano i parlamentari M5S calabresi Dalila Nesci, Paolo Parentela, Nicola Morra e Federica Dieni, che aggiungono: «Conosciamo la ‘Terra dei fuochi’ in Campania. In Calabria potrebbe essere molto peggio».

I quattro parlamentari proseguono: «Chiariamo per sempre un punto, la Calabria è stata schiacciata dalla ‘ndrangheta e la politica è rimasta complice, diretta o silenziosa. Le associazioni ambientaliste, che hanno lottato per difendere il territorio e la salute di tutti, si sono ritrovate in grande solitudine; ad esempio per la vicenda della nave dei veleni a Cetraro, per il caso della Jolly rosso ad Amantea e del lago Alaco a Serra San Bruno. Ambientalisti hanno subito procedimenti penali e a volte gravi intimidazioni, mentre la politica ha sottovalutato, negato o ignorato».

Nesci, Parentela, Morra e Dieni concludono: «La politica calabrese ha adottato una legge elettorale sballata per perdere tempo e intascare ancora lo stipendio. Enorme il contrasto tra questo fatto e i problemi della Calabria, in cui l’emergenza ambientale include un possibile inquinamento di morte, oltre a progetti folli e grandi irrisolti; dal rigassificatore di Gioia Tauro alla bonifica dei siti di Crotone».

 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>