Sanità calabrese, soldi pubblici e affari privati

oliverio-scura-urbani-pacenza-624x350
Il caso riguarda l’assegnazione a privati di nuovi posti letto, poi revocati dal dg dell’Asp di Cosenza, Raffaele Mauro, cui i commissari alla sanità regionale, Massimo Scura e Andrea Urbani, hanno da poco chiesto urgenti chiarimenti specifici, pur riconoscendo che non vale più un tubo il loro decreto che recepiva quell’assegnazione.

di Dalila NESCI

Parliamo di milioni pubblici che in ultimo dovrebbero andare a strutture private, ma senza un iter chiaro, intelligibile e trasparente, come pure senza una connessione riconoscibile tra Asp di Cosenza e strutture commissariale e dipartimentale. Su questa storia c’è stato un tentativo di delegittimarmi, costruito in modo goffo, lontano dai fatti e con l’obiettivo di spaventarmi, impressionarmi e costringermi ad arretrare. Chiunque voglia intimorirmi sappia che io non ho paura di niente e nessuno, perché agisco soltanto se documentata e rispondo unicamente alla mia coscienza di giovane indignata, stanca di un sistema marcio, sporco e puzzolente.

Mi auguro che la magistratura catanzarese e cosentina faccia luce sino in fondo. E sono certa che ci saranno sviluppi, nonostante la latitanza dei ministeri vigilanti, chiusi nelle loro fortezze romane e troppo impegnati a mantenere equilibri politici, invece che a vedere, seguire e intervenire con urgenza. 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>