Sanità Calabria, interrogazione M5S su posti di Reumatologia: implementare le strutture pubbliche

sanità pubblica
Sanità calabrese, ancora storture nel Dca n. 30/2016, il decreto sulla rete dell’assistenza ospedaliera: 30 posti letto di Reumatologia a un privato e 10 a Cosenza, il resto della Calabria può attaccarsi al tram, secondo i mitici Scura e Urbani. Avrà visto il Tavolo ministeriale di verifica, svoltosi ieri a Roma? Nel dubbio che non si siano accorti di un bel nulla, ho interrogato Renzi, Lorenzin e Padoan.
di Dalila NESCI

La sanità pubblica va difesa e implementata, questo sia chiaro. Pertanto, partendo dalle strutture pubbliche che funzionano, ho chiesto una distribuzione nazionale e secondo un criterio di giustizia effettiva dei posti letto di pertinenza reumatologica. A riguardo, ho accolto le segnalazioni dell’Associazione Nazionale Persone con Malattie Reumatiche: su 40 posti di degenza ordinaria per la Reumatologia in Calabria, il nuovo decreto sulla rete dell’assistenza ospedaliera ne ha assegnato 10 a Cosenza e 30 a una struttura privata di Cotronei (Kr), lasciando sguarniti gli altri presìdi ospedalieri.

I posti letto di Reumatologia vanno invece distribuiti a regola. Ricordo alla coppia Scura-Urbani che la struttura commissariale ha l’incarico prioritario di adottare e attuare i programmi operativi e gli interventi necessari a garantire, in maniera uniforme sul territorio regionale, l’erogazione dei livelli essenziali di assistenza.

Lamentando il grave silenzio dei vertici delle aziende con reparti pubblici di Reumatologia, mi auguro che prevalga la ragionevolezza e che Scura e Urbani modifichino la distribuzione dei posti nel senso suggerito, nell’interesse esclusivo dei malati.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>