Sanità Calabria: niente imbrogli su nuove assunzioni, interrogazione M5S

Assunzioni 2

Con specifica interrogazione ho chiesto al governo come verranno fatte le nuove assunzioni nella sanità calabrese e ho chiesto controlli rigidi, chiarezza e rispetto assoluto della legge, senza più raccomandazioni politiche e altre ingiustizie che finora hanno caratterizzato l’amministrazione sanitaria della Calabria.

di Dalila NESCI

Oggi alla Camera ho presentato un’interrogazione centrata sulle prossime assunzioni con cui le aziende sanitarie e ospedaliere della Calabria rimpiazzeranno parte del personale in pensione. La questione assunzioni è alla base di tutto, visto che non c’è più personale negli ospedali. Nel 2008 la commissione ministeriale Serra-Riccio rilevò un’illegalità profonda, diffusa e nociva nella sanità regionale, che oggi la Calabria non può più permettersi. C’è bisogno di qualità e sicurezza, poiché i reparti sono all’osso per i tagli che i governi hanno disposto subendo la grande truffa dell’euro e delle banche. Assumere medici, infermieri e oss su richiesta dei boss della politica sarebbe una follia con effetti devastanti.

Intanto le strutture di pronto soccorso stanno scoppiando. Se le assunzioni non saranno rapide e legali, avremo presto guai irrimediabili. Come ho visto nelle mie ispezioni dentro gli ospedali, la mancanza di personale ha creato problemi enormi, aumentando i rischi e stressando i sanitari.

Da oggi il governo sa che sulle nuove assunzioni nella sanità calabrese non potranno esserci violazioni di legge o calci della politica, perché denunceremo tutto alla magistratura, che, come dimostra Rimborsopoli, non sta a guardare.

One comment

  1. Norberto La Marca

    Pregiatissima onorevole Dalila Nesci, sono un medico ginecologo e lavoro a Castrovillari. Insieme ad altri due colleghi siamo vittime di un abuso di potere da parte dell’Asp di Cosenza e dell’AO di Cosenza che stanno consentendo ad altre due nostre colleghe di lavorare SENZA ALCUN CONTRATTO presso il reparto di ginecologia dell’ospedale di Cosenza, impedendo di fatto a noi tre, con contratto a tempo indeterminato, di poterci trasferire, tramite l’istituto della mobilità regionale ed extraregionale presso il medesimo reparto. La nostra vicenda è stata seguita sin dall’inizio dal senatore Nicola Morra che ha prodotto sul caso una interrogazione parlamentare al Senato. Inoltre della vicenda abbiamo interessato, oltre che la magistratura civile ed amministrativa, anche quella penale producendo due esposti alla Procura della Repubblica di Cosenza, che ora, finalmente, si è messa ad indagare sul caso. Ti sarei molto grato, io insieme ai miei colleghi, di voler prendere in considerazione la nostra vicenda dato che tu, recentemente, ti sei espressa alla Camera per garantire la trasparenza e la regolarità delle assunzioni di personale medico negli ospedali calabresi. Rimanendo a disposizione per eventuali ulteriori chiarimenti sul caso, segnalandoti inoltre che ci incontreremo probabilmente il 19 settembre p.v. alla festa dei 10 anni del MU Cosenza, in quanto sono stato nominato moderatore della sessione sulla sanità in cui tu sei relatrice, e fiducioso di un tuo interessamento sulla vicenda, colgo l’occasione per porgerti cordiali saluti. Dr. Norberto La Marca

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>