Commissario sanità calabrese, Renzi inciucia con Stasi e Scopelliti

Uniti per la pelle

 

Decaduto Giuseppe Scopelliti, il presidente del Consiglio Matteo Renzi avrebbe dovuto tuonare per la nomina del commissario per il rientro dal debito sanitario. E invece no: da tre mesi Renzi tace. Il provvedimento è fondamentale per una regione soggetta a rientro, ma il governo latita, rendendosi primo responsabile di un disastro.

 

di Dalila NESCI

 

L’abbiamo visto già nei giorni scorsi: l’assenza del commissario favorisce nomine dirigenziali illegittime da parte della giunta calabrese. Una porcheria che mi ha spinto, ieri, a diffidare tutto l’esecutivo regionale, secondo indiscrezioni prossimo a dispensare incarichi apicali in barba al diritto, per cui invece non si può, decaduto Scopelliti, andare oltre l’ordinario. Sarebbe stato l’ennesimo atto di una giunta che continua ad agire secondo i propri istinti.

Come si giustifica il presidente del Consiglio? Pensa a sovrintendere ad accorduni tra partiti? Il dubbio è fondato dato che fu rapidissima, invece, la nomina del sub-commissario al posto del dimesso Luigi D’Elia. Lì in un giorno scelsero Andrea Urbani, in rapporto con il ministro della Salute Beatrice Lorenzin, compagna di partito di Scopelliti. Sarà un caso?

Intanto il gravissimo ritardo sul commissario per il rientro, permette al condannato Scopelliti di muovere ancora i fili in Calabria, nell’ambito, fondamentale, della sanità. L’abbiamo detto: è la riprova di squallidi accordi e complicità tra i partiti; è la dimostrazione del ruolo centrale della Calabria per gli equilibri a Roma, a tre mesi dalle regionali.

Una situazione, questa, ai limiti dell’assurdo. Ed è incredibile che il governo continui a fingere di non sapere e a chiudere entrambi gli occhi. Mentre, nel frattempo, con sfacciati abusi di potere la giunta Stasi dispensa incarichi strapagati, fregandosene dei calabresi e del futuro della Calabria. Sono tutti una cosa sola.

 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>