Scura, Urbani e il regalino da 200mila euro ad Agenas. E Oliverio resta zitto

oliverio

Sanità calabrese: Scura e Urbani e quel regalino ad Agenas da 200 mila euro, tanto per bruciare denaro pubblico. Il governatore Oliverio resta zitto e fermo, ancora una volta, gabbato con Pacenza. Ecco perché ho appena interrogato il Governo.

 

di Dalila NESCI

 

Quando noi del Movimento Cinque Stelle prenderemo la Regione Calabria, sarà un’altra storia. Questo è poco ma sicuro.

I commissari alla sanità calabrese, Massimo Scura e Andrea Urbani, hanno dimostrato al governatore Mario Oliverio di potergli passare sopra in ogni momento. L’ultimo episodio riguarda il nuovo schema di convenzione tra Agenas e Regione Calabria, approvato, come ha raccontato “Il Corriere della Calabria”, con il decreto commissariale numero 58/2016, che modifica il numero 46/2016.

Nel maggio scorso presentai un esposto penale sul rapporto oneroso tra Agenas e la Regione, addirittura gratuito all’epoca del governo regionale Scopelliti.

Oliverio è vittima di se stesso, dei suoi metodi stalinisti, della sua incapacità di amministrare e di scegliere buoni controllori negli uffici. Nonostante la nota con cui Scura e Urbani hanno chiarito a Franco Bevere, vertice di Agenas, l’insostenibilità assoluta di un contributo annuo di 200 mila euro, essendo la Regione in piano di rientro, i due commissari abusivi hanno poi decretato una convenzione di pari importo a spese dei calabresi, i cui contorni non sono chiari né se ne comprende la reale utilità o necessità.

Soltanto il Movimento 5 stelle ha denunciato in ogni sede la prosecuzione illegittima del commissariamento, mantenuto per foraggiare cariatidi e papponi della politica con montagne di quattrini pubblici. Oltretutto, nel caso specifico c’è l’enorme conflitto d’interessi di Urbani, pure revisore contabile di Agenas. Tartasseremo in proposito il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, ancora muto e assente.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>