Tribunale di Vibo Valentia, contributo Cinque Stelle

Tribunale Vibo Valentia

L’arrivo di otto nuovi magistrati tirocinanti al Tribunale di Vibo Valentia è un segnale importante, per cui il Movimento Cinque Stelle ha dato un contributo concreto.

La grave carenza di organico era stata rappresentata dal presidente dello stesso Tribunale, Roberto Lucisano. Poi il Consiglio Superiore della Magistratura ha ricevuto anche una mia lettera, indirizzata al presidente Giorgio Napolitano e al vicepresidente Michele Vietti, con richiesta di provvedere subito.

Al presidente Napolitano e al vicepresidente Vietti avevo messo nero su bianco che, con la mancanza di tanti magistrati, la paralisi del Palazzo di Giustizia era un dato di fatto e se ne sarebbe giovata la ‘ndrangheta, con grave danno per le persone in attesa del riconoscimento di diritti.

Ero certa, e perciò lo avevo scritto al capo dello Stato e al vicepresidente del Csm, che sarebbero state presto attivate le misure più idonee, perché la Calabria non può più essere la frontiera dell’Italia o una terra di disparità, sopportazione, adattamento senza fine. Il vertice del Csm ha risposto bene e presto, considerando a dovere pure la voce e le istanze del Movimento Cinque Stelle, che difende e presidia i territori. Avevo scritto: «È giunta l’ora che il Mezzogiorno e la sua punta più estrema sentano e vedano lo Stato».

Ringrazio gli attivisti di Vibo Valentia per la battaglia in favore del Tribunale, ma anche il collega Brunello Censore del Pd, che dal canto suo aveva interessato il ministro della Giustizia.

LA LETTERA AL PRESIDENTE NAPOLITANO E AL VICEPRESIDENTE VIETTI

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>