Tutela minori: Cara dirigente, così non si fa.

Interrogherò il ministro dell’Istruzione sulla sanzione che la dirigente di una scuola di Soriano Calabro (Vv) ha notificato ai genitori di un bambino, destinatario del provvedimento, che per la preside si sarebbe picchiato da solo.

Sugli sviluppi della denunciata aggressione a scuola di un bambino di Soriano Calabro, presenterò un’interrogazione parlamentare per un’ispezione ministeriale, avendo appreso dal Garante regionale dell’Infanzia, Antonio Marziale, che la dirigente dell’istituto scolastico coinvolto ha notificato ai genitori del bambino un avviso di sanzione nei suoi confronti. Stando al provvedimento, secondo la dirigente il minore avrebbe avviato la lite con il collaboratore scolastico e poi si sarebbe provocato da solo le evidentissime tumefazioni ed escoriazioni sul corpo. Resto dunque basita. Proprio nei giorni scorsi avevo manifestato compiacimento per la necessità, espressa concordemente dalle parti davanti al Garante, di garantire la massima serenità al minore. A riguardo avevo dato la mia disponibilità a partecipare a percorsi mirati di formazione, aderendo alla specifica proposta dell’attento Garante, col quale concordo sul fatto che la dirigente scolastica ha da ultimo agito al di fuori delle proprie competenze, mandando all’aria la strategia pedagogica concordata proprio nell’ufficio di MarzialeLa scelta della dirigente è irresponsabile e alimenta il disagio del bambino, che ha diritto all’istruzione dell’obbligo, e della famiglia, che adesso si ritroverà in contrasto con la scuola, indipendentemente dalla vicenda penale, che farà il suo corso in separata sede. Ricevuta la relazione del Garante, interrogherò il ministro dell’Istruzione, Valeria Fedeli

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>