Vaccinazioni, il nostro intervento a tutela della privacy

La normativa è gravemente lacunosa e ha messo i genitori con le spalle al muro. Perciò abbiamo chiesto chiarezza al Garante.

Tramite il presidente del nostro gruppo della Camera, Andrea Colletti,abbiamo inviato al Garante della Privacy una richiesta di parere sulla legge in tema di vaccinazioni obbligatorie, che non contempla le dovute garanzie riguardo al trattamento dei dati sullo stato di salute dei minori.
Su diversi punti occorre chiarezza. Il provvedimento approvato, infatti, risulta carente: non specifica le operazioni eseguibili e le finalità di rilevante interesse pubblico perseguite con il trattamento dei dati sensibili richiesti.
Inoltre, il provvedimento in questione e le circolari esplicative non hanno fornito alcuna indicazione sulle specifiche modalità di trattamento dei dati. Buio totale. Ancora, non è stata fornita alcuna indicazione per tenere separati i dati sullo stato di salute dagli altri dati personali, in palese violazione del Codice della Privacy. Infine, non è stata prevista alcuna disciplina specifica che contempli un’informativa e il consenso informato al trattamento dei dati sullo stato di salute.
Rispetto a queste e ad altre criticità abbiamo interpellato il Garante per la Privacy, perché faccia chiarezza, anche se è già tardi. Infatti, il provvedimento è stato licenziato in tutta fretta dalla maggioranza in parlamento, che non si è preoccupata dei problemi correlati. Le conseguenze della scelta del ministro Lorenzin sono ricadute soprattutto sui genitori, che non hanno potuto ricevere le risposte dovute e sono stati messi con le spalle al muro.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>