Vibo, provincia abbandonata. Intervenga il governo

frana_stefanaconi_vibo

 

Il comprensorio di Vibo Valentia è trascurato dallo Stato centrale, che in nome del pareggio di bilancio non può ignorare le ripetute richieste d’intervento trasmesse al governo, intanto per i collegamenti interni. Ecco perché stamattina ho presentato un’interrogazione parlamentare sulle strade.

di Dalila NESCI

Un atto necessario. Stamattina ho depositato un’interrogazione, indirizzata ai ministri delle Infrastrutture, dell’Interno, della Funzione pubblica e per gli Affari regionali per “migliorare la viabilità del territorio, con particolare riferimento alle opere necessarie già appaltate” e per denunciare la drammatica situazione delle strade provinciali vibonesi danneggiate e interrotte, causa di gravi disagi agli abitanti.

Lo stato della viabilità è quanto mai critico, in una provincia come quella vibonese gravata, in un contesto di forte e diffuso dominio criminale, da vicende di appropriazione indebita, di violazione di doveri nei pubblici uffici e di bilanci passati fuori misura, per cui è indispensabile un pronto interessamento delle Istituzioni centrali, al fine di garantire il governo del territori. Inoltre, nell’interrogazione di oggi ho richiamato una mia precedente lettera al Capo dello Stato, nella quale, difendendo i lavoratori Italcementi di Vibo Valentia, facevo la fotografia di un pezzo di Sud divorato da politica e affarismo criminale.

Mi auguro che ora il governo comprenda fino in fondo che la Calabria è ancora molto indietro e che la provincia di Vibo Valentia ha i problemi più grossi, per i quali occorre un impegno diretto dell’esecutivo, a partire, spero, dalla viabilità.

 

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>