Vibo Valentia, esposto a procura e Corte dei conti sulla “Tonnara di Bivona”

esposto tonnara

 

Stamattina ho presentato un esposto a procura e Corte dei conti affinchè la magistratura possa accertare eventuali responsabilità riguardo alla mala gestione della Tonnara di Bivona, a Vibo Valentia.

 

di Dalila NESCI

 

Lo Stato deve dire chiaramente e al più presto quale deve essere il destino della Tonnara di Bivona, a Vibo Valentia. Della questione già mi ero interessata tempo fa, addirittura a fine dicembre 2013, presentando un’interrogazione parlamentare ad hoc. In quell’occasione chiedevo lumi sulla gestione assolutamente discrezionale del bene, senza alcuna concessione demaniale, come prevedrebbe la legge. Peccato però che il governo – Letta prima, Renzi poi – si sia assolutamente infischiato della cosa, dato che non ha mai fornito risposta.

E intanto lo stabile, che doveva diventare museo del mare, con un apposito finanziamento di ben oltre un milione di euro, resta lì, ad uso e consumo dell’amministrazione comunale. Attualmente, infatti, non si vede nulla e al Comune mancherebbe la concessione demaniale, prevista dalla legge.

Ora, come se non bastasse, è spuntata una delibera per il pagamento di un allestimento fatturato nel 2008, ma il municipio non ha mai risposto alle richieste degli estremi concessori avanzate da Soprintendenza e Demanio.

Innanzi al silenzio diffuso, la magistratura accerti eventuali responsabilità penali o danni erariali. È necessario capire in virtù di quale norma e di quale titolo il bene è stato utilizzato discrezionalmente dal comune di Vibo Valentia per usi diversi da quelli previsti nei vari finanziamenti, considerato che la struttura è stata perfino utilizzata come seggio per le primarie del Partito democratico.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>