Vittoria M5S. Pezzi sbugiarda la giunta della Calabria sugli accreditamenti sanitari

pezzi

 

 

Piena soddisfazione per il decreto del generale Luciano Pezzi con cui il commissario per il rientro dal debito sanitario della Calabria ha chiamato il consiglio regionale ad abrogare la nuova normativa sulle autorizzazioni e gli accreditamenti delle strutture sanitarie. Le nostre battaglie stanno dando i frutti sperati. Una Calabria migliore è possibile.

 

di Dalila NESCI

 

È stato deciso e rapido il generale Luciano Pezzi a procedere contro le norme sull’accreditamento sanitario approvate nell’ultimo consiglio regionale del 7 ottobre scorso, contro le quali avevo presentato nell’immediato un esposto alla procura di Reggio Calabria, essendo la materia di competenza dello Stato. Ecco perchè esprimo soddisfazione riguardo al nuovo decreto con cui il commissario per il rientro dal debito sanitario della Calabria ha chiamato il consiglio regionale ad abrogare la nuova normativa sulle autorizzazioni e gli accreditamenti delle strutture sanitarie.

L’atto del commissario dimostra quanto la gestione della Regione Calabria sia stata assurda e sfacciata, oltre ogni immaginazione, soprattutto nella sanità. Il Movimento Cinque Stelle ha fatto la sua parte, denunciando sempre abusi e violazioni di palazzo compiuti per favorire amici e compari. Con la nostra indipendenza e col senso delle regole possiamo costruire una Calabria migliore.

Abbiamo dimostrato conoscenza delle varie vicende e siamo intervenuti ogni volta non avendo consiglieri regionali, con tutte le difficoltà del federalismo vigente. Riusciremo, dunque, a cambiare l’amministrazione regionale, cancellando l’affarismo di potere che ha segnato la storia della Calabria.

Fai un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>